I racconti di Goal Keeper – Campionati Nazionali di Calcio degli Ordini degli Ingegneri

9 Giugno 2017, Arezzo vs Macerata (Categoria Calcio a 7)

Arezzo-Chieti

Seconda partita dell’Arezzo ingegneri over 40 e rocambolesca sconfitta contro il Macerata. I presupposti per fare bene c’erano tutti: le buone prestazioni con tanto di vittorie nelle ultime quattro gare disputate, l’armonia ritrovata all’interno del gruppo, un’attacco che aveva ripreso a segnare con il suo fromboliere Lazzeri. Tutto ciò però non è bastato: dopo pochi minuti Arezzo è già sotto di due goal!

Prima il marcantonio di centravanti schierato dal Macerata anticipa di testa Fognani segnando con un tiro nell’angolo destro di Goal Keeper. Poi si ripete sfuggendo al controllo del Biker Peruzzi che in corsa cerca di saltare il portiere ma lo tratta come lo zerbino di casa. Il marcantonio anche questa volta non perdona appoggiando in rete un pallonetto liftato sull’uscita di Stolzuoli. Il due a zero sembra addirittura stretto: Goal Keeper era infatti dovuto intervenire deviando in precedenza in angolo un fendente avversario a fil di palo. Dopo i due goal Stolzuoli cacciando prontamente in angolo una punizione dal limite forte e precisa, poi si esibisce in una spaccata ad evitare il goal che neppure una ballerina della Scala di Milano avrebbe potuto imitare. Infine, dopo aver perso un pallone che sembrava facile facile su colpo di testa ancora della punta marchigiana, si oppone bellamente in uscita coprendo bene lo specchio della porta e costringendo l’avversario a tirargli addosso. L’Arezzo entra definitivamente in confusione cominciando a sparare improbabili cross dalla tre quarti che si spengono nelle braccia del chilometrico portiere avversario oppure escono si lati. La partita sembra persa ma Eupalla interviene: Truco alla sua prima partecipazione si presenta davanti al portiere e lo secca con un tiro a mezza altezza. Ci pensa poi il centrale del Macerata a pareggiare con un incredibile autogoal di testa. Manca pochissimo alla fine del primo tempo e c’è una punizione da distante a favore degli amaranto. Mastroferraio si incarica della battuta tira centrale: Pierucci copre la visuale al portiere e contribuisce al terzo goal. Ribaltata la partita come un calzino!

Il secondo tempo inizia con il Macerata intimorito. Il tarantolato Pedro riprende a macinare chilometri sulla fascia e Arezzo segna ancora con Lazzeri quest’anno finalmente in grande forma portandosi sul 4-2. È proprio Pedro che ha due clamorose occasioni da goal arrivando a tu per tu con il portiere avversario: prima alza di pochissimo il pallone e poi gli tira addosso. Si sarebbe chiusa lì la gara. Mancano i faditici 10 minuti e come era successo nella gara di esordio Arezzo va a fare la doccia consentendo a Macerata prima di ridurre, poi di pareggiare ed infine di vincere addirittura!

Determinante èil corazziere del Macerata che segna il terzo goal liberandosi al limite dell’area di due uomini e concludendo in rete. 4-3!
Il quarto goal su fallo laterale: il pallone viene sgusciato da due-tre giocatori, batte addosso a Murano Fognani e si insacca 4-4. Arezzo soffre parecchio ed il Macerata ne approfitta rischiando di segnare ancora: Stolzuoli esce basso a valanga ed impedisce al marcantonio di segnare poi ancora respinge in angolo un siluro calciato dalla fascia. Manca da giocare solo il recupero punizione per il Macerata tiro che aggira la barriera dall’interno, Goal Keeper si butta sul palo coperto dalla barriera tocca la sfera ma non tanto da deviarla. La vittoria èper i celesti. Agli aretini una notte insonne a calcolare le probabilità per passare battendo i campioni d’Italia. Domani però torna Erol Flinn Sarrini ed il capitano Polvani. Sarà un’altra storia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *